Visualizzazione di tutti i 13 risultati

22.00 

L’Autore offre ai lettori un lavoro molto accurato ed esaustivo, frutto di esperienze personali dirette e di una letteratura critica imponente, una pertinente selezione di fonti, resoconti e cronache, il cui rigore documentale dà all’opera un potente respiro critico.

25.00 

“Il sionista gentile” è il prodotto di una scommessa dell’Autore con se stesso: riuscire a dare, in un unico libro, un’idea articolata di che cosa rappresenti (o dovrebbe rappresentare) questo Paese, minuscolo, se rapportato al contesto geografico in cui si trova, ma di enorme e cruciale importanza sul piano geopolitico. Parlare di Israele vuol dire toccare temi come l’ebraismo, l’antisemitismo, la questione palestinese, Gerusalemme, la Shoah e, inevitabilmente, il negazionismo.

Con cd musicale

18.00 

Strutturato in tre capitoli, questo studio analizza la procedura con cui viene eletto il Presidente degli Stati Uniti unitamente ai poteri di cui questi dispone e ai rapporti che intercorrono tra la Casa Bianca e il Congresso nel sistema politico statunitense.

16.00 

Ognuno di noi si cimenta e si confronta quotidianamente in vario modo con il tema dell’ambiente e delle sue derivazioni: dalla green economy al risparmio energetico, dall’alimentazione “bio” ad un’etica del consumo “sostenibile”. Ma quanti di noi nella pratica quotidiana agiscono consapevolmente e coerentemente nel rispetto dell’ambiente che ci circonda? Come si comportano i Governi e le Istituzioni nei confronti dell’inquinamento? Quali e come sono le politiche che adottano per migliorare complessivamente la qualità dell’eco-sistema?

15.00 

Norman Mailer è una delle figure letterarie più emblematiche della nostra epoca. E tale riconoscimento, che indubitabilmente gli spetta, non può essere disgiunto dalla missione quasi religiosa che egli ha volontariamente assunto su di sé sin dagli inizi della sua carriera: divenire il profeta, il messia autodesignato, dei suoi tempi e del suo Paese.

18.00 

L’unica intervista rilasciata da Osama Bin Laden ad un giornalista non residente nei territori di fede islamica Come arabo-musulmano che vive a Londra da trenta anni, lavorando come giornalista specializzato nelle questioni politiche del Medio Oriente, credo di avere una prospettiva unica rispetto alla storia di al Qaeda ed al suo impatto sulla civiltà Occidentale. Comprendo entrambi i modi di vivere, musulmano e occidentale, e sono certo che sia la cooperazione, e non lo scontro, l’unica strada percorribile.

18.00 

Lo scenario del crimine si è fatto molto più competitivo e molte forme di business criminale si sono affermate grazie alla globalizzazione, prima fisica poi virtuale. Il mondo delle imprese si è ritrovato ad affrontare, nel volgere di pochi anni, nuove forme di minaccia e nuovi rischi, tutti conseguenza della globalizzazione. L’effetto della “pressione” è stato il sorprendente numero di tracolli finanziari e dei casi di malgoverno aziendale che ha spinto i legislatori a svolgere una funzione di supplenza nel governo dell’economia con tutta una serie di strumenti legati alla cosiddetta Corporate Governance.

18.00 

Numerosi e interessanti studi recentemente condotti sulla biologia cellulare dei tumori umani hanno consentito di raggiungere notevoli risultati nel campo dell’oncologia medica. L’isolamento di cellule staminali tumorali e la rinnovata attenzione scientifica sulla popolazione delle cellule tumorali circolanti ripropongono vecchie ipotesi patogenetiche ed aprono interessanti prospettive diagnostico-terapeutiche che coinvolgono tutte le branche dell’oncologia, in particolare l’oncologia cellulare e molecolare, la tossicologia e l’oncologia clinica.

15.00 

Nella società della comunicazione parole vacue e slogan producono ologrammi di paura e insicurezza nell’immaginario collettivo. E noi giungiamo ancora in ritardo e impreparati a questa nuova transizione logica più che tecnologica. Senza la capacità di comprendere gli indicatori principali.

19.50 

Il tema trattato nel libro, di estrema attualità in questo particolare momento storico, si presenta molto stimolate ma anche provocatorio e critico verso quella che viene definita la cultura del “bollino” (soprattutto in tema di rating etico) che proietta l’impresa in un mondo virtuale dove finisce per prevalere, quasi sempre, la forma sulla sostanza e nel quale l’immaginario dell’imprenditore si perde sovente dietro fenomeni più legati alla moda economica che al reale interesse aziendale rispetto alla tematica dei valori quale vero asse portante non solo dell’impresa ma della società in generale.

15.00 

Nel delicato scenario internazionale della distensione, ancora condizionato dalla tragedia del Vietnam, i tanti attori della politica estera americana seguono e partecipano alla crisi del centro-sinistra italiano, assistono sgomenti alla scissione socialista del ‘69, agli attentati di Piazza Fontana, si interrogano sulle aperture di Aldo Moro ai comunisti, sulle ipotesi di contrastare più attivamente l’avanzata del PCI, sul tentativo di Giorgio Almirante di rinnovare in senso democratico la proposta politica del Movimento Sociale e, infine, sulle oscure trame golpiste del generale Valerio Borghese. Basato su una documentazione largamente inedita, questo volume cerca di ricondurre al quadro mediterraneo le coordinate della politica dell’Amministrazione Nixon verso l’Italia.

15.00 

Negli ultimi anni, gli eventi meteorologici eccezionali e la variabilità dei prezzi dell’energia, connesse al mutato contesto mondiale, agli studi sul clima sempre più accurati e ai conflitti militari nelle aree di estrazione del petrolio, hanno riportato la questione energetico-ambientale al centro del dibattito internazionale. Nei vertici dei paesi europei il rischio incombente del surriscaldamento globale è diventato ormai una tematica fondamentale.

15.00 

Il capitalismo, oggi, è fenomeno impensabile senza una “rete cooperante” di attori, tutti indispensabili. Vi è in primo luogo la finanza: qualcuno raccoglie il risparmio di altri e lo convoglia nella disponibilità di chi ha idee giudicate valide per usarlo. Quest’ultimo più che un “capitalista”, è una persona che dovrebbe essere brava a individuare e gestire opportunità con due caratteristiche fondamentali: “vedere lungo” e saper scegliere e gestire uomini, essere cioè un “imprenditore”. Vi è poi il mercato, ove le opportunità si trasformano in danaro, anche perché se il circuito del danaro si interrompe, ossia se il danaro non rende e non viene restituito, ovviamente crolla tutto, ed è giusto che sia così.

0

Your Cart